martedì 3 novembre 2020

Comunicato Stampa

 

L’Italia e l’Europa post-pandemica

nel pensiero del prof. Cosmo G. Sallustio Salvemini

Sabato 17 ottobre 2020 alle ore 18,00, in una saletta riservata del bar Umberto, sul lungomare di Salerno, dopo la presentazione del preside Giovanni Salvatore, ho avuto il piacere di intervistare  il Professore Salvemini, direttore del giornale “L’Attualità”.

Domanda: cosa pensa del Covid-19 che ha fatto tanto danno in tutto il mondo?

Risposta: ci troviamo in una situazione drammatica che coinvolge  miliardi di persone. Si può dire che questo Covid sta facendo più danni di Attila, il flagello di Dio, sta falciando vite umane  ma soprattutto ha messo in ginocchio le economie di quasi tutti gli Stati. Impedisce a migliaia di lavoratori di  recarsi sul luogo di lavoro, ma le ripercussioni oltre che economiche sono anche di natura psicologica: questo virus ha ingenerato nella mente di tanta gente l’idea che l’umanità è facilmente vulnerabile. Un’entità visibile soltanto al microscopio sta producendo enormi danni economici ma soprattutto psicologici; molta gente che soffriva di depressione ha subìto un peggioramento  perché, bloccata in casa per mesi, si è sentita imprigionata senza aver commesso alcuna colpa.

 Domanda: come dovremmo comportarci di fronte a questo nemico invisibile?

Risposta: nel solco del pensiero salve miniano penso che bisogna seguire il motto “Non mollare!”; sarebbe un grave errore arrendersi di fronte a questa aggressione. Sono convinto che prima o poi  questo virus sarà debellato.  Tocca agli scienziati intensificare le ricerche  per  trovare il vaccino e  distribuirlo in quantità  industriali.  A noi spetta un altro compito: supplicare la Madre di Cristo e Madre nostra affinché illumini la mente degli scienziati e li guidi a trovare un antidoto efficace. Sento che siamo vicini a questo traguardo. Bisogna pazientare per qualche altro mese. In passato altre pandemie sono state debellate. Sono fenomeni ciclici. Certamente sono opera del Male.

Domanda: vuole dire che esiste un’occulta e malefica cabina di regìa?

Risposta: Ogni cosa che aggredisce la famiglia umana (guerre, massacri, genocidi, attentati terroristici e pandemie) è opera  del Maligno. L’unico sostegno valido ci può essere fornito dalla fede. Dobbiamo supplicare costantemente le “potenze celesti”, per dirla con il Goethe, affinché da un lato illuminino la mente dei ricercatori e dall’altro sostengano moralmente le fasce delle persone più deboli, gli anziani, i lavoratori che rimangono senza lavoro, i cassintegrati (alcuni stanno ancora aspettando i sussidi), i commercianti costretti a chiudere bottega, studenti e docenti che non possono andare a scuola.

Domanda: quale incidenza possono avere le energie umane su questa  bufera sanitaria?

Risposta: il nostro Governo ha fatto e sta facendo tutto ciò che è umanamente possibile per fronteggiare quest’emergenza. Non condivido le polemiche scaturite da calcoli elettoralistici. Il Movimento Salvemini, che ho l’onore di rappresentare da quarant’anni, elogia i galantuomini e biasima le canaglie. Sarebbe auspicabile  un clima di collaborazione tra esponenti di tutte le forze  politiche: è l’unica strada vincente. Mi auguro che tra la maggioranza governativa e le opposizioni si instauri un dialogo costruttivo, perché chiunque può  lanciare  proposte valide. Mai scartare a priori ciò che viene proposto dagli avversari politici.

Domanda: cosa desidera proporre al ceto politico?

Risposta: vorrei lanciare il mio umile appello a tutte le forze politiche affinchè nessuno approfitti della situazione per fare  propaganda elettorale. Nessuno si lasci dominare dall’ansia di conquistare nuovi consensi. C’è un valore superiore ai consensi elettorali, un valore che travalica i confini ristretti delle ideologie: quello della salute dei cittadini. E’ un diritto sancito dalla Costituzione. Bisogna tutelare la salute fisica e psichica delle persone. Il distanziamento sociale, prima o poi , verrà abolito perché è contro natura . Per dirla con Aristotele, ogni umano è un animale sociale.

Domanda: cosa prevede per i prossimi mesi?

Risposta: il mio augurio è che nessuno getti la spugna, che nessuno si arrenda di fronte a un nemico così vigliacco. Prima o poi usciremo dal tunnel. Il mio ottimismo è frutto di un  ragionamento: se sapremo fare  resilienza  passeremo al contrattacco, andando ad aggredire il morbo. Bisogna saper aspettare.

Domanda:  quale esortazione desidera rivolgere alle giovani generazioni?

Risposta:  ai giovani  desidero dire:  siate prudenti, osservate le norme vigenti perché basta un attimo di distrazione e il morbo vi potrebbe colpire duramente.  Certo, avete diritto  ad incontrarvi, a dialogare, dopo una settimana di studio o di lavoro, ma bisogna saper aspettare. Quando il semaforo è rosso ogni  buon automobilista si  ferma. Prima o poi il semaforo diventerà verde”

Ringrazio il professore per questa preziosa intervista.

Interviene il preside Giovanni Salvatore che dichiara: “Prendiamo atto della saggezza del professore Salvemini e raccogliamo al volo questi suoi inviti alla prudenza , a saper attendere. Il professore Salvemini ancora una volta ci ha offerto  una chicca della sua  nota saggezza. Grazie professore Salvemini.”

Salvemini: Grazie a voi per avermi invitato ad esprimere la mia umile opinione.

Ringrazio congiuntamente il professore Salvemini ed il preside Salvatore.

                                                                                    Antonio Di Donato

mercoledì 21 ottobre 2020

Comunicato Stampa

 

                       APPELLO  ALLE  OPPOSIZIONI  PARLAMENTARI

 

In tempi normali il diritto-dovere delle Opposizioni parlamentari è quello di proporre provvedimenti legislativi ritenuti necessari ed eventualmente criticare l’operato del Governo sulla base di documentati motivi. In tempi di emergenza, però, come quelli attuali, le Opposizioni parlamentari hanno il dovere morale di fornire la propria collaborazione al Governo al fine di contribuire a risolvere i vari problemi sociali ed economici del Paese.

 

Riteniamo che sia un grave errore tattico e strategico alimentare polemiche sul modo di affrontare la pandemia allo scopo di sperare di conquistare un maggiore consenso popolare, da trasformare poi in voti elettorali. Una gran parte di italiani è in grado di capire le finalità degli atteggiamenti assunti dai leaders delle forze politiche. E’ in grado di valutare anche la sincerità dei loro comportamenti.

 

Elogiamo i reiterati appelli lanciati dal Presidente della Repubblica agli esponenti di tutti i partiti politici affinchè collaborino concretamente alla soluzione dei problemi, nell’interesse dell’intera comunità nazionale. Accogliendo questo appello le forze di opposizione darebbero una lodevole dimostrazione di lungimiranza e di saggezza.

 

21 ottobre 2020           Il Consiglio Direttivo del Movimento Salvemini

domenica 18 ottobre 2020

Comunicato stampa

 

     PERCHE’  E DA CHI E’ STATO BLOCCATO IL PROCESSO DI BEATIFICAZIONE DI DON TONINO BELLO ?

 

Dopo la visita di Papa Francesco a Molfetta (Bari) nel mese di aprile 2018, per rendere omaggio alla memoria di don Tonino Bello (Vescovo della città pugliese dal 1984 al 1993 e Presidente dell’organizzazione Pax Christi) sembrava imminente il giorno della sua beatificazione. Sono, invece, trascorsi due anni e mezzo. Su questo argomento è sceso inspiegabilmente il silenzio assoluto. Perché?

 

Abbiamo chiesto ad alcune autorevoli personalità ecclesiastiche di fornire una spiegazione di tale silenzio. Nessuna risposta. Poi alcuni giorni fa, come fulmine a ciel sereno, è stata divulgata la notizia dell’inchiesta vaticana sul cardinale, di origine sarda, Angelo Becciu, privato dal Pontefice dei diritti connessi al cardinalato e rimosso dalla carica di Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi.

 

Le ragioni del drastico provvedimento papale sono sintetizzabili in una sola parola: soldi. Sembra che alcuni bonifici del valore complessivo di 500.000 euro siano stati versati dal cardinale ad una “dama” cagliaritana (Cecilia Marogna) per scopi umanitari in Africa e in Asia, ma la metà di questa cifra sarebbero stati spesi dalla “dama” per acquistare beni di lusso, a proprio uso e consumo. La “dama” è stata arrestata a Milano ed è in attesa di estradizione in Vaticano.

 

Al card. Becciu vogliamo fare una domanda: per quali motivi è stata bloccata l’istruttoria sulla beatificazione di don Tonino? Si tratta di un’istruttoria avviata molti anni fa e suffragata da una marea di persone. Il postulatore era mons. Agostino Superbo, vescovo di Potenza. Tra i fautori dell’iniziativa c’era anche il cardinale (di origine molfettese) Angelo Amato.

 

 Forse tra i motivi del blocco dell’istruttoria c’è una arcana questione di natura pecuniaria? Forse qualcuno ha prospettato dubbi sulla correttezza delle opinioni manifestate da don Tonino e sull’ortodossia delle sue opere filantropiche? Forse qualcuno non ha condiviso ciò che pubblicamente don Tonino disse nel mese di ottobre 1988, presso il teatro Odeon di Molfetta: “Gaetano Salvemini merita di essere annoverato tra i profeti (senza tonaca) del Regno di Dio”?

 

Restiamo in fiduciosa attesa di una risposta esauriente dal card. Becciu, augurandogli sinceramente che possa emergere la sua innocenza non soltanto davanti al Tribunale Vaticano ma anche quando un giorno si troverà al cospetto del celeste Giudice Supremo, inappellabile e infallibile.

 

18 ottobre 2020                                                      Il Consiglio Direttivo del Movimento Salvemini

L'Attualità on line Ottobre 2020

L'Attualità Ottobre 2020 

Comunicato Stampa



 

Acquisto per via telematica del libro "Epuloni e Lazzari".

Informiamo i nostri lettori che è possibile acquistare per via telematica (con rapida consegna a domicilio) una o più copie del libro del prof. Cosmo G. Sallustio Salvemini “EPULONI  e  LAZZARI”, digitando in un motore di ricerca le seguenti parole: Epuloni e Lazzari libro Salvemini Europa Edizioni.

Al predetto libro, il 21 settembre u. s., è stato  conferito a Spoleto il Premio Internazionale “Menotti Art Festival” per la Saggistica.

12 febbraio 2020.         Il Consiglio Direttivo del Movimento Salvemini   








 

venerdì 18 settembre 2020

L'Attualità settembre 2020

L'attualita' settembre 2020

Comunicato Stampa

          PROPOSTE DI INTERVENTO SULLA “QUESTIONE MIGRATORIA”

 

Premesso che è un dovere morale accogliere i migranti che espatriano per fuggire dalle guerre e dalla fame, è necessario evidenziare l’urgenza che l’Unione Europea stabilisca un limite massimo (mensile o annuale) sul numero di migranti provenienti dai Paesi extracomunitari.

Non è ammissibile che i flussi migratori avvengano illimitatamente e fuori controllo, considerato il fatto che solo dalle coste africane potrebbero teoricamente venire, in futuro, circa 300 milioni di persone.

 In Europa non ci sarà posto per tutti.

 

L’Unione Europea, dovrebbe, inoltre, studiare e attuare, senza ulteriore indugio, un programma organico per assicurare ai migranti almeno due diritti fondamentali: 1) un lavoro retribuito, con salario minimo garantito (per ridurre il numero di spacciatori e rapinatori in circolazione), 2) un alloggio decente perché le baraccopoli fanno comodo ai fautori del capitalismo liberista.

E’ finalmente giunto il momento di attuare il Manifesto di Ventotene del 1941, redatto da Eugenio Colorni, Ernesto Rossi e Altiero Spinelli, per istituire gli Stati Uniti d’Europa, cioè una Federazione che agisca univocamente non già contro altri Stati ma per sviluppare la solidarietà verso altri popoli e per garantire la pace nel mondo.

 

L’O.N.U. dovrebbe dare urgente avvio ad una campagna mediatica per consigliare la pianificazione delle nascite nei Paesi del Terzo Mondo nei quali  è esplosa la bomba demografica. Dovrebbe, inoltre, varare un nuovo Piano Marshall in soccorso dei Paesi bisognosi di aiuti finanziari e tecnologici idonei a creare nuovi posti di lavoro (Edilizia, Sanità, Scuola, Trasporti e infrastrutture varie).

 

Ben sappiamo che le suddette proposte saranno ignorate da gran parte degli esponenti (egoisti) della Comunità internazionale. Ciò non ci scoraggia né ci impedisce di continuare ad avanzare tali proposte perché siamo convinti della loro validità e fattibilità. “Nihil difficile volenti”.

Bisogna mobilitare l’opinione pubblica affinchè venga smascherata la strategia delle potenti lobby dei ricchi Epuloni. Questi ultimi dovrebbero fare un esame di coscienza e convertire i cuori alla solidarietà verso una moltitudine di poveri Lazzari.

23 agosto 2020             Il Consiglio Direttivo del Movimento Salvemini

Comunicato Stampa

 

        SI AL REFERENDUM, MA CHE SIA UN PRIMO PASSO 

                    VERSO LA GRANDE RIFORMA

Finalmente è giunto il momento di riformare la Carta del ’48, obsoleta, anacronistica, piena di anomalie e di contraddizioni. Finalmente l’inammissibile pletora di quasi mille parlamentari verrà ridimensionata.

Il 20 e 21 settembre il Corpo Elettorale potrà esprimersi per eliminare un “mostro”.

La vittoria del SI è agevolmente prevedibile, oltreché auspicabile.

Ma attenzione. Dobbiamo augurarci che questo referendum sia un primo passo verso la Grande Riforma della Costituzione, a cominciare dall’istituire un Parlamento monocamerale composto da cento seggi. Una tale riforma consentirebbe un notevole risparmio di denaro pubblico e di tempo (nell’espletamento della funzione legislativa).

Urge riformare, inoltre, l’intero sistema della rappresentanza popolare (eliminando il criminogeno “voto di scambio” e brogli di vario genere). I consensi devono essere conquistati, non acquistati. La corruzione dev’essere estirpata dalle radici. Le Istituzioni hanno urgente bisogno di essere trasparenti e credibili.

Da oltre un decennio il Movimento Salvemini sta lanciando appelli all’opinione pubblica affinchè si risvegli dal torpore ed induca i leaders di tutti i gruppi politici ad avviare una nuova fase costituente al fine di introdurre nella futura Costituzione il principio della Demo-random-crazia.

Queste riforme istituzionali sono state dettagliatamente illustrate nei libri visitabili  in questo sito web, nella voce” Rassegna libraria completa” e nella voce “Recensioni sui libri di Cosmo G. Sallustio Salvemini.

16 agosto 2020       Il Consiglio Direttivo del Movimento Salvemini

Intervista a RAI 3 del 19 giugno 2020


Un libro - capolavoro di Antonio Lerario




Per prenotare una o più copie di questo libro chiamare il cell. 3683260171 

L'ATTUALITA' settembre 2020